Imparare a imparare dalla crisi

Imparare a imparare dalla crisi

Ho conosciuto Werner Wintersteiner, alla riunione trinazionale a Klagenfurt in occasione del centenario della fine della Prima Guerra Mondiale. Era interessato alla nostra proposta di Parco Transfrontaliero della Pace. Ci siamo rivisti successivamente a Vilacco.
Ieri l’altro mi ha girato questa sintetica ma interessante riflessione. Ci riguarda.
Sandro Cargnelutti

 

Dieci lezioni dalla crisi di Corona

I tempi di crisi sono momenti di apprendimento. Sono quindi anche tempi di controversie politiche: Qual è il significato degli eventi? Quali misure si sono dimostrate efficaci? Come devono continuare le cose dopo la crisi? Quali comportamenti dobbiamo cambiare? Se la società in quanto tale sta imparando o meno, se i politici traggono conclusioni adeguate, dipende in larga misura da una società civile vigile. Il testo che segue discute queste domande dal punto di vista di un educatore di pace austriaco. Alcune conclusioni possono essere diverse in altri paesi e in altre parti del mondo e da una prospettiva diversa. Parliamone!

#1: Imparare ad imparare dalle crisi

Corona non ci insegna nulla. Una crisi non è un'insegnante. Non c'è un meccanismo con cui la pandemia ci costringe a cercare nuove conoscenze. Tuttavia, possiamo, con i nostri sforzi, imparare la lezione dalla crisi. Ma siamo capaci di imparare? "Quando l'uomo è stato tirato fuori da sotto le macerie della sua casa bombardata, si è scosso e ha detto: Mai più. Almeno non subito". Così il poeta Günther Kunert valutava con scetticismo la nostra volontà di cambiare dopo la seconda guerra mondiale. Ancora oggi, nonostante tutte le affermazioni, c'è il pericolo che, a parte qualche approccio poco convinto, tutto rimanga uguale. Ma crisi significa "punto di svolta": Corona ha scosso alcune false verità e almeno per un momento facilita una riflessione fondamentale.
Questa opportunità va colta. Le lezioni da trarre non sono, a mio avviso, per lo più, nemmeno nuove conoscenze, non avremmo certo avuto bisogno di Corona per questo, ma finora ci siamo rifiutati di vedere la "scritta sul muro". Per quanto tempo crediamo davvero di poterci permettere di non imparare nulla dalle crisi?

#2: Riflettere sulla nostra percezione e sul nostro comportamento

Mentre stiamo facendo ricerche sul virus da un punto di vista medico, da un punto di vista socio-politico dobbiamo prima studiare la nostra percezione e il nostro comportamento nella crisi. Il virus ci mostra ciò che non abbiamo visto a causa del nostro modo di pensare specializzato e isolato: la complessità del nostro mondo, la nostra interdipendenza e le innumerevoli interazioni di tutte le aree – al momento, per esempio, tra pandemia ed economia. Come per la percezione, così è per il comportamento: Sociologi e psicologi hanno individuato una serie di modelli comportamentali improduttivi nel nostro modo di gestire le catastrofi: prima la negazione, poi la paura, poi la moralizzazione e la ricerca di capri espiatori, infine l'azione a tutti i costi. Quali di queste strategie osserviamo oggi? Come possiamo sostituirle con comportamenti più ragionevoli?

#3: Imparare la mondializzazione della solidarietà

Corona ci mostra lo stato del mondo: abbiamo creato problemi globali, ma non abbiamo raggiunto la solidarietà globale. Nella crisi stiamo vivendo tutti gli svantaggi di un mondo in cui prevale il diritto del più forte. Siamo tutti vulnerabili, siamo tutti dipendenti l'uno dall'altro, e solo la nostra reciproca solidarietà può salvarci. Obiettivamente, condividiamo un destino terreno comune. Eppure tutte le misure di crisi sono state prese a livello nazionale e in uno spirito di egoismo nazionale. Fantasie di autosufficienza nazionale ci perseguitano. I pochi meccanismi globali – come il Consiglio di sicurezza dell'ONU – non sono stati utilizzati. L'OMS è troppo debole, e invece di rafforzarla ora, gli Stati Uniti stanno addirittura sospendendo i pagamenti. Lo sfondo: la pandemia colpisce tutti, ma non tutti allo stesso modo. Negli Stati Uniti, per esempio, la popolazione nera più povera è sproporzionatamente malata di corona. E la crisi economica, che sta ora seguendo il blocco, sta colpendo gli Stati del Sud molto più duramente dell'Europa ricca. Finché prevarrà la speranza di cavarsela meglio degli altri, non ci sarà solidarietà. Il che a sua volta significa che anche la lotta comune contro il cambiamento climatico rischia di fallire.

#4: Diventare europei - per interesse nazionale

Per l'Unione Europea, Corona è una prova enorme da cui potrebbe emergere più forte. Finora l'Unione non ha superato questa prova. Gli Stati europei hanno reagito alla crisi – a loro danno – con l'isolamento nazionale e una mentalità da "salva te stesso, chi può": visibile prima nella mancanza di sostegno reciproco nella lotta contro il virus, ora ancora di più nella mancanza di solidarietà per attutire le conseguenze economiche della crisi. Se ciò continuerà, sarà come un "Euxit", un ritiro di fatto di tutti gli Stati membri dall'Unione. Tutti gli esperti sono d'accordo: I Paesi attualmente più ricchi come l'Austria o la Germania possono essere benestanti a lungo termine solo se anche l'Italia o la Francia e altri Paesi estremamente colpiti sono benestanti. L'aiuto reciproco all'interno dell'UE è nell'interesse di tutti!

#5: La volontà di superare il nostro "modo di vivere imperiale".

Non solo Corona mette in discussione il nostro "modo di vivere imperiale" occidentale (Ulrich Brand). La crisi rivela una verità che non vogliamo sapere, cioè che viviamo a spese delle persone in altre regioni del mondo e a spese delle generazioni future, comprese le nostre. Questo deve inevitabilmente andare male, e andrà male. Sostenibilità – che è più che automobili elettriche e risparmio energetico. Significa anche una dolorosa rinuncia a molti dei nostri privilegi. Dobbiamo volerlo prima di tutto. Corona dimostra che noi – i benestanti nei Paesi ricchi – non abbiamo bisogno di tutto ciò che abbiamo. Conclusione: Qualsiasi programma di ripresa non deve solo seguire lo spirito dell'Alleanza europea per il Green Deal, ma deve anche rispettare rapporti economici equi con il Sud del mondo.

#6: Da una cultura di guerra a una cultura di pace

Il nostro stile di vita a spese del "resto del mondo" richiede un accesso permanente alle risorse dell'intero globo. Questo accesso è protetto militarmente – da coloro di cui utilizziamo le risorse e dai potenziali rivali. La globalizzazione economica e l'espansione militare sono reciprocamente dipendenti l'una dall'altra, ma la logica militare è diventata da tempo indipendente. L'eccessivo armamento, in particolare le armi di distruzione di massa e le armi nucleari, priva l'umanità delle risorse essenziali per una giusta prosperità per tutti, crea anche insicurezza ed è una delle principali cause della crisi climatica. Soprattutto oggi non possiamo più permetterci queste scorie. Per capire veramente questo, abbiamo bisogno di una cultura della pace. L'ONU ha dedicato il primo decennio di questo secolo a questa causa. Approfittiamo delle lezioni acquisite da questa campagna!

#7: La politica può funzionare senza populismo demagogico

Nella crisi di Corona, la popolazione è disposta a fidarsi dei politici che comunicano intuizioni scomode e annunciano misure spiacevoli, purché sembrino fondate. Ora stanno prendendo provvedimenti che non avrebbero mai osato prendere per mitigare il cambiamento climatico. Il populismo demagogico ha una pausa per ora. Ma questo funziona solo perché ora siamo più interessati ai fatti e vogliamo distinguerli in modo più rigoroso dalle notizie false, perché controlliamo tutte le restrizioni con occhio critico per vedere se hanno un senso. Questa vigile consapevolezza politica sarà assolutamente necessaria al di là della crisi per respingere la tentazione totalitaria dalla quale i politici non sono immuni, anche nelle democrazie.

#8: Lo Stato sociale significa sicurezza umana

Per decenni l'ideologia neoliberale ha demonizzato, attaccato e minato lo Stato sociale. Già l'anno scorso la Commissione Europea ha rimproverato "l'uso inefficiente delle risorse" del sistema sanitario austriaco, affermando che, nonostante la riduzione del numero di posti letto negli ospedali, l'Austria era ancora del 40% sopra la media europea! Oggi tutto sembra molto diverso. I paesi che hanno ridotto di più i loro sistemi sanitari o li hanno ampliati di meno sono quelli che soffrono di più per la pandemia. Senza un intervento statale decisivo, né la salute né le conseguenze sociali della conseguente crisi economica possono essere assorbite. Nel momento del bisogno, ha senso per tutti. È importante salvare questa esperienza che ci sia una logica di benessere umano che sia in grado di conquistare il sostegno della maggioranza politica, nel tempo che segue. Perché c'è da aspettarsi che l'imminente crisi economica alimenti le lotte di distribuzione, sia all'interno di ogni paese che nel contesto globale.

#9: Superare il riflesso nazionale attraverso strutture transnazionali

Finché l'Unione Europea non avrà una politica sanitaria comune, finché le istituzioni dell'ONU come l'OMS saranno deboli come lo sono oggi, insomma – finché non ci saranno meccanismi e strutture transnazionali, il riflesso nazionale, il "nazionalismo di crisi", sarà inevitabile. Quindi abbiamo bisogno di più UE, abbiamo bisogno di riformare e democratizzare il sistema delle Nazioni Unite. Ma il presupposto per questo è una cultura cosmopolita vissuta. Questo a sua volta richiede una riforma fondamentale del sistema educativo, che finora ha sempre riprodotto il nazionalismo. Invece dell'educazione nazionale, l'educazione planetaria e la cittadinanza mondiale devono diventare i principi guida.

#10: "Rilanciare la nostra finitezza terrestre" (Edgar Morin)

Il virus COVID-19 è venuto per rimanere. Dobbiamo imparare a conviverci. Questo significa anche cambiare le nostre abitudini in modo da poterci convivere. Per fare questo, dobbiamo ripensare i nostri presupposti di base sul nostro ruolo di esseri umani sulla "Patria Terra". Per troppo tempo ci siamo sentiti "padroni della creazione" che possono "sottomettere la terra" impunemente. Così facendo, abbiamo represso o addirittura distrutto molti dei nostri "compagni di vita" naturali – ma il nostro comportamento ora ricade su di noi. Questo è evidente nel caso del cambiamento climatico, ma le pandemie sono anche incoraggiate dalla perdita di biodiversità e dalla limitazione degli habitat della fauna selvatica. Dobbiamo renderci conto che siamo solo compagni di vita della terra. Non è disponibile per il nostro spietato sfruttamento. Comprendere questo e applicarlo a tutti i settori della vita è probabilmente il cambiamento più profondo che sta per avvenire.

Werner Wintersteiner, ricercatore alla pace, fondatore ed ex-direttore del centro di ricerca ed educazione alla pace, Università di Klagenfurt.


Stampa