La giornata del Tagliamento 2020

La giornata del Tagliamento 2020

Con la collaborazione dei soci Coop Alleanza 3.0 e nell’ambito del progetto «ACQUA&VITA: acqua bene comune» Legambiente Fvg aveva organizzato l’anno scorso insieme a Fiab una pedalata di due giorni lungo il corso del Tagliamento dalle sorgenti fino al mare. Una manifestazione rivolta a promuovere la realizzazione dell'itinerario FVG6 «Ciclovia del Tagliamento» ma anche a sensibilizzare sulle risorse e sulle sofferenze del grande fiume e coinvolgere le comunità locali e gli amministratori. All’iniziativa avevano partecipato più di un centinaio di appassionati e nel corso delle varie tappe lungo il percorso si erano alternati una trentina di interventi di rappresentanti delle istituzioni, esperti, testimoni ed artisti che avevano riempito i due giorni di riflessioni, ragionamenti, stimoli e proposte sul fiume e per il fiume.

Quest’anno, viste le restrizioni imposte dalla pandemia, è stato impossibile riproporre un’analoga iniziativa ma, pur con modalità ristrette, FIAB - Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta e Legambiente circolo della pedemontana gemonese hanno pensato di organizzare per la giornata di domenica 30 agosto un appuntamento riservato ai soci per mantenere viva l’attenzione sulle proposte elaborate nel corso dell’iniziativa dell’anno passato. Sono previsti quattro diversi itinerari cicloturistici per altrettanti gruppi che permetteranno di godere delle bellezze dei luoghi offerte dal Tagliamento e continuare le riflessioni e le proposte già emerse. Per i soci legambiente a cura del locale circolo della pedemontana è prevista la partenza da Gemona alle 8.15, arrivo a San Daniele per ora di pranzo (al sacco) e ritorno a Gemona nel pomeriggio con un percorso ad anello che passa da entrambe le sponde del grande fiume (nel volantino allegato i dettagli dell’iniziativa).

Sul sito www.fiab-gemona.it è possibile approfondire il tema della Ciclovia del Tagliamento, indicata come FVG6 nella Rete delle Ciclovie di Interesse Regionale (ReCIR) e vedere alcuni contributi video che illustrano il Tagliamento, la ciclovia e il progetto di promozione cicloturistica e ambientale del territorio.

Come emerso dalle riflessioni fatte, a fronte di temi divisivi pur presenti (fra tutti il tema della c.d. sicurezza idraulica), ci sono molti obiettivi che possono trovare fin d’ora una volontà condivisa tra tutte le comunità rivierasche e partire dalla progettazione di una ciclabile del Tagliamento potrebbe essere una opportunità di sviluppo di processi fondati sulla natura, sulla mobilità dolce, sulla conoscenza e su economie sostenibili integrate e integrabili nel territorio.

Hai firmato la petizione perché il Tagliamento sia Patrimonio Naturale UNESCO?
Guarda lo splendido video di FVG Sensibile sull’ultimo fiume selvaggio delle Alpi https://www.youtube.com/watch?v=UpWvPYv0Xgo
Non è un vero patrimonio dell’Umanità?
Firma qui www.change.org/tagliamentounesco

ALLEGATO: Volantino programma


Stampa