Solidarietà ai produttori agricoli che operano al Parco del Cormôr

Il Circolo Laura Conti di Legambiente apprende con preoccupazione dai produttori agricoli che operano al Parco del Cormôr del paventato trasferimento ad altro luogo per dar spazio a lavori di sistemazione del Parco.

Il Circolo ricorda che l’attuale presenza dei produttori agricoli, che dura ormai da 12 anni, è molto apprezzata da molte centinaia di acquirenti e frequentanti del Parco che ogni sabato si recano al Cormôr per fare acquisti di prodotti del territorio, di alta qualità.

Interrompere questa consuetudine rischia di bloccare un’attività alternativa alla grande distribuzione, molto vicina all’esigenza di prodotti di qualità che le persone esprimono e richiedono fermamente.

D’altronde, ogni altra sistemazione logistica (parcheggio, Parco di Cemento di v. Lombardia?) sarebbe gravemente lesiva dell’ormai stabile e positivo servizio reso ai consumatori e, pertanto, va considerata solo e soltanto per lo stretto tempo necessario all’esecuzione dei lavori previsti.

Il Circolo chiede pertanto all’Amministrazione comunale di fare ogni sforzo per assicurare la continuità di tale preziosa presenza ormai consolidata nel tempo, la cui interruzione arrecherebbe non solo un grave danno alle aziende agricole, ma anche ai consumatori.


Stampa