Opere devastanti e turismo montano: se ne parla domani sera al Cinema David di Tolmezzo

Gli esperti del settore e i “guru” della comunicazione lo chiamano “turismo esperienziale”,  indicando in questo modo una formula in cui al posto dei “pacchetti” preconfezionati delle agenzie di viaggio ad attrarre i visitatori è la possibilità di vivere un'esperienza reale a contatto con un territorio, un ambiente e una cultura autentici, diversi da quelli a cui si è abituati nella vita di ogni giorno. Su questo sembra aver puntato da qualche tempo anche la Regione Friuli Venezia Giulia, che attraverso campagne pubblicitarie e inserzioni sui principali quotidiani propone la nostra montagna con scenari da sogno, silenzi e natura incontaminata, incontri e paesaggi da vivere emozionandosi ....

Ma quale emozione può provare un turista che si trova di fronte ad un sentiero trasformato in una strada forestale larga sei metri o all'inizio di una ferrata diventata inagibile per la mancata manutenzione a causa del drastico taglio al contributo assegnato al CAI dalla Giunta Regionale? E che impressione possono suscitare fiumi e corsi d'acqua ridotti a distese desertiche non tanto dalla siccità, quanto dagli indiscriminati prelievi a scopo idroelettrico? 

Questi ed altri interrogativi se li pongono - e li pongono a tutta la comunità e agli appassionati della montagna - le associazioni ambientaliste (da Legambiente al WWF, da Italia Nostra a Mountain Wilderness) e vari Comitati (Co.S.Mo., Friday For Future Carnia, Comitato Tutela Acque del Bacino Montano del Tagliamento, Carnia Greeters) nella “serata informativa” organizzata per martedì 26 a Tolmezzo, con inizio alle ore 20.30, presso il Cinema David.

Nell'occasione si farà il punto sulla vicenda della strada Plotta-Marinelli, contro la cui realizzazione sono state raccolte oltre 13.000 firme, sui progetti della SIOT e le conseguenze per la Valle del But ed il Lago di Cavazzo, sul finanziamento pubblico alle manifestazioni motoristiche e sul devastante progetto di collegamento stradale tra il rifugio Chiampizzulon e Malga Tuglia e soprattutto sulle decine di milioni che la Regione intende spendere in nuove piste da sci e impianti di risalita a quote ormai inaffidabili a causa del riscaldamento globale.

Più che le parole, saranno le immagini a parlare e a documentare una realtà che rischia di compromettere non solo il turismo, ma la stessa bellezza ed identità di questi territori.

TURISMO MONTANO 2022 TOLMEZZO

logo

facebook logo logo twitter logo youtube logo instagram logo telegram