Pulizia ai Laghi di Fusine

Pulizia Fusine 640x426Comunicato Stampa

Tolmezzo, 30 agosto 2014

Pulizia ai Laghi di Fusine

Volontari delle associazioni ambientaliste raccolgono rifiuti abbandonati.

Dopo la spettacolare e complessa operazione di pulizia condotta in Val d’Arzino, Legambiente e Mountain Wilderness, domenica 24 agosto con l’apporto del WWF e di Econoise hanno dato vita ad una nuova iniziativa intervenendo in un altro luogo di grande valore naturale e paesaggistico, considerato a buon diritto uno dei simboli delle nostre montagne e della stessa regione.

Non si è trattato certo della necessità di bonificare delle discariche abusive, come era avvenuto in occasione dell’intervento precedente, o di imbattersi in rifiuti speciali o pericolosi, ma si è trattato comunque, date le caratteristiche di area naturale protetta, di un intervento significativo e quanto mai necessario. Domenica scorsa, nonostante la pioggia intermittente, una trentina di volontari, muniti di sacchetti e guanti, hanno così liberato le rive del Lago Inferiore e di quello Superiore di Fusine, in comune di Tarvisio, le relative vie di accesso, le scarpate ed i parcheggi da quello che turisti, senza dubbio poco civili, avevano lasciato a ricordo del loro passaggio: cartine, sacchetti e bottiglie di plastica, involucri di merendine, mozziconi di sigaretta, qualche lattina. Alla fine sono stati raccolti tre sacchi neri di immondizia, ridando un aspetto decoroso a quello che è un vero e proprio “santuario della natura” e come tale dovrebbe essere trattato.

L’intervento era stato sollecitato dai gestori del rifugio Zacchi e ha avuto una funzione anche preventiva e di sensibilizzazione nei confronti dei numerosi visitatori che sono stati invitati a tenere comportamenti più rispettosi nei confronti dell’ambiente dai ragazzi che indossavano le caratteristiche magliette gialle con il cigno verde e dai responsabili delle altre associazioni coinvolte. Ci si augura ora che anche le autorità locali e il corpo forestale intervengano per evitare che il fenomeno si ripeta e per far capire ai turisti che i rifiuti si devono portare a valle!

Damiano Nonis - Referente FVG Mountain Wilderness

Marco Lepre - Legambiente della Carnia-Val Canale


Stampa